Filoxenes Katoikies | Kythera | Greece > Blog > Blog > I cinque più bei villaggi di Citera

I cinque più bei villaggi di Citera

1) Karavàs, un tranquillo e bel villaggio pieno di verde situato tra le colline. Vicino alla chiesa del paese si trova il bar, dove ci si può fermare per un caffè. Anche il caffè di Amir Ali è altamente consigliato soprattutto per la sua posizione privilegiata. Vale certamente la pena camminare lungo il ruscello come anche visitare gli insediamenti abbandonati del paese. A pochi passi dal Karavas c’è Platia Ammos, mentre dovrete camminare un po’ per vedere il famoso faro Moudari.

2 Potamòs, centro commerciale e villaggio noto per il suo mercato domenicale la cui origine si perde negli anni, è uno dei più importanti villaggi di Citera. Degno di citazione è il Music Cafe Astikon, con un nome ispirato alla scuola inglese della zona, è ormai conosciuto per i gruppi noti che ospita di tanto in tanto, così come avviene ininterrottamente dagli almeno cento anni di attività. Paese adatto per le compere.

3) Avlèmonas è considerato il più pittoresco borgo marinaro, ideale per gite in mezzo al mare e le suggestive insenature dei suoi piccoli porti. Villaggio molto popolato durante i mesi estivi, ha come punti d’attrazione la meridiana della famosa casa della famiglia Cavalini, così come l’osservatorio inglese nel secondo porto di Avlèmonas. Infine non dimenticate di visitare il castello, denominato appunto Castello.

4) Mylopòtamos, è uno dei villaggi più tradizionali di Citera, caratterizzato anche dalla sua ricca vegetazione e la fresca acqua corrente. In estate, invece, è un richiamo per i turisti, soprattutto perché è l’unico paese che offre molte attività e luoghi d’interesse. Il caffè e la piazza del paese con il suo platano invulnerabile alle intemperie, le cascate, i mulini, Kato Chora Milopotamos e infine la Grotta di Santa Sophia sono alcune delle attrazioni del paese. È da notare che nella gola che termina sulla spiaggia di Kalami, funzionante fino alla metà del 1950, ci sono ventiquattro mulini. L’acqua del torrente alimentava i mulini con l’aiuto di una diga e di grondaie, e questi coprivano gran parte del fabbisogno di farina dell’isola.

5) Chora, la capitale di Citera, con le sue pittoresche stradine, con l’imponente castello e il borgo veneziano ricostruito, è il villaggio più popolare di Citera. Va assolutamente visitato a piedi, per ammirare l’architettura degli edifici antichi e ammirare la vista di Kapsali dal Belvedere.

Have your say

tre × 4 =